Italia Viva: 5 idee per il rilancio di Battipaglia

Si è tenuta nei giorni scorsi, presso la sede elettorale del candidato a sindaco Antonio Visconti, la conferenza stampa congiunta con i membri del locale partito di Italia Viva, rappresentato da Vincenzo Inverso. È stata l’occasione per confermare il sostegno e l’appoggio che il direttivo ha inteso dare alla coalizione tutta e al candidato Visconti, toccando anche un altro tema fondamentale quale la scadenza naturale del mandato di governo conferito all’amministrazione retta da Cecilia Francese che si ritiene scaduto a partire dal 5 giugno.

«Domani 5 giugno cessa la legittimazione popolare conferita a questa amministrazione – esordisce Inverso -. Il nostro appello è che si limiti a compiere solo atti di natura ordinaria per ripagare della stessa considerazione i cittadini. Noi saremo vigili in quanto lei usufruisce di un tempo straordinario e non deve utilizzarlo a suo piacimento per atti di natura straordinaria. Inoltre la invitiamo ad evitare show da campagna elettorale nelle sedi dove ci si vaccina». Dopodiché, Inverso ha sottolineato le 5 idee sulle quali Italia Viva s’impegnerà: «Parco urbano del Castelluccio, Bonus Investi a Battipaglia, marketing territoriale e marchio di qualità “città di Battipaglia”, riqualificazione dell’ex Ati e potenziamento delle infrastrutture – aggiunge Inverso – sono i cinque punti che ci impegniamo formalmente a realizzare nel breve e lungo termine».

Carmine Caso, responsabile della lista Italia Viva, ha parlato anche di future candidature. «Questo incarico è arduo, anche perché le forze in campo sono tutte di spessore e non sarà facile la partita – commenta Caso -. Antonio sta facendo un ottimo lavoro, e ha delle idee ben precise e funzionali. L’invito è che la campagna elettorale si liberi dai veleni, e si concentri sulle proposte senza libri dei sogni dove diventano tutti economisti ed ecologisti. La nostra lista sarà composta per la maggior parte da donne, probabilmente saranno 14, perché il nostro impegno sarà dare prerogativa a loro».

Infine, ha preso la parola il candidato a sindaco per la coalizione di centrosinistra, Antonio Visconti: «Ringrazio tutto il direttivo di Italia Viva che ha creduto in questa battaglia prima e meglio di me – spiega il presidente dell’Asi -. Ho un debito di riconoscenza verso di loro per avermi spinto nella fase dell’incertezza a scendere in campo. Però immaginate cosa sarebbe stata senza di noi questa campagna elettorale: tutti gli amministratori dal ‘94 ad oggi legittimati dal fallimento dell’amministrazione in carica. Più che il bilancio risanato, avremmo preferito il bilancio delle cose fatte e delle promesse mantenute. Le forze sane di questa città hanno maturato disaffezione e distanza verso la politica, e noi viviamo lo stesso disagio dei cittadini battipagliesi. La nostra coalizione interpreta un malessere profondo che questa città vive.  Con Italia Viva ci uniscono tante cose, e rimetteremo al centro la politica perché a Battipaglia pesano più le cose distrutte che quelle non fatte».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui