Visconti firma il patto con l’associazione “Cittade” e sottoscrive le richieste

Questa mattina, nella sala conferenze del Comune di Battipaglia, l’associazione “Cittade” ha ufficializzato il suo sostegno alla coalizione di centrosinistra, e al candidato a sindaco Antonio Visconti, in vista delle prossime elezioni comunali. L’associazione ambientalista, presieduta dalla presidente Stefania Apostolico, e dal componente del direttivo Carlo Palumbo, ha spiegato le ragioni della scelta figlia di una lunga trattativa. «C’è bisogno di ricostruire una classe dirigente onesta – spiega Apostolicoche sappia dove mettere le mani. Il nostro contributo programmatico è incentrato su diversi temi: politiche sociali, ambiente e rigenerazione territoriale. L’obiettivo è valorizzare gli enti intermedi, quali associazioni e comitati, che possono costituire il vero ponte tra l’amministrazione e i cittadini. Sono tutti macro temi interconnessi tra di loro. Nel nostro dialogo con Visconti abbiamo posto alcune condizioni: scongiurare la realizzazione dell’impianto di compostaggio nell’ex Stir, un controllo degli impianti privati affinché funzionino bene, e l’aspetto dei miasmi che soffoca i cittadini battipagliesi da decenni».

Un patto messo nero su bianco dagli associati che hanno invitato il candidato sindaco, Antonio Visconti, a sottoscriverlo. «Chiediamo la revoca della delibera di giunta regionale che prevede l’ampliamento dell’ex Stir; evitare l’insediamento di nuovi impianti e l’ampliamento di quelli già esistenti; promuovere la delocalizzazione in vista della riqualificazione della fascia fluviale; e infine di approvare il Puc in tempi brevi» aggiunge Apostolico che poi chiosa sulla candidatura: «Io e Carlo Palumbo, componente del direttivo, saremo candidati in una delle liste a sostegno di Visconti» ha concluso la presidente dell’associazione “Cittade”. Carlo Palumbo ha poi aggiunto: «Cittade ha già fornito le premesse riguardo all’attività che intendiamo svolgere insieme a Visconti. Quelle di costruire insieme una programmazione valida per il futuro della città. E questa volta vogliamo che siano i numeri a contare, per la crescita della città dopo anni di stasi politica. Già da oggi siamo a lavoro per qualcosa di concreto».

Senza alcuna esitazione, al termine della conferenza stampa Antonio Visconti ha firmato dinanzi alle telecamere il patto con “Cittade”, accogliendo tutte le richieste: «Non è un patto politico né territoriale – commenta il candidato a sindaco – ma un’intesa di visioni sui programmi e sulle criticità da affrontare e superare. Le richieste sottoposte da “Cittade” sono tutte condivisibili. L’impegno dell’associazione è noto e riconosciuto da tutti, e ci mette di fronte a seri problemi come l’assenza di una programmazione che ha consegnato a questo territorio un generale far west e di conseguenza le criticità in termini di impiantistica pubblica e privata sui rifiuti. I comitati hanno giocato un ruolo fondamentale: hanno fatto prima e meglio della politica sul tema dell’ambiente e dei rifiuti. Hanno smosso le coscienze dei cittadini e degli amministratori, accendendo i riflettori su tutta una serie di problemi ai quali adesso va data una risposta. Segnali concreti e forti, non chiacchiere e propaganda. Gli impianti dovranno essere utili, non creare disagi. Lo Stir va potenziato e rifunzionalizzato tramite il trattamento del secco indifferenziato. E l’Ente d’Ambito, di concerto con la Regione, ha già chiare le linee programmatiche per superare le criticità».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui